A Carrara il Festival “con-vivere”

Da giovedì 5 a domenica 8 settembre a Carrara torna il festival culturale “con-vivere”, dedicato quest’anno alla formazione

 

Quasi 90 appuntamenti: lezioni magistrali, mostre, concerti, spettacoli, menu a tema, film e uno spazio dedicato ai bambini. Dal 5 all’8 settembre Carrara torna ad animarsi per il festival con-vivere, diretto da Remo Bodei, che quest’anno ha come tema la formazione in tutte le sue declinazioni.

Sul tema si esprimeranno esperti, giornalisti, scienziati e personalità del mondo culturale in oltre 20 conferenze e dibattiti. E alla formazione sarà dedicata anche una rassegna cinematografica.

Oltre a Remo Bodei, protagonisti degli incontri saranno, Paolo Mieli, Gian Antonio Stella, Julio Velasco, Mario Tozzi, Mogol, Massimo Ammanniti, Eva Cantarella, Vito Mancuso, Marco Rossi Doria e tantissimi altri.

Danilo Rea e Rahmin Bahrami si esibiranno in un concerto dedicato a Bach. In una conferenza-concerto Ilia Kim e Piero Rattalino parleranno di Artigianato e scienza nella formazione del musicista.

 

Le conferenze

Il programma è ricchissimo, impossibile dare conto qui di tutti gli appuntamenti: il calendario completo si trova qui.

Segnaliamo alcuni degli incontri.

Giovedì 5 settembre

Alle 17,30, Gian Antonio Stella parla di Fake news. Da Pausania alle bufale di oggi (sagrato della Chiesa del Suffragio).

Alle 18,30 Vito Mancuso interviene invece sul tema Educare alla Bellezza, in corso Rosselli.

Venerdì 6 settembre

Tra i relatori di venerdì 6, Marco Rossi Doria, che alle 18, nel giardino di Palazzo Binelli, ragionerà su Educazione e scuola, e Paolo Mieli, su Imparare dalla storia (ore 19, sagrato della Chiesa del Suffragio).

Alle 21,30, in corso Rosselli, sarà la volta di Julio Velasco, sul tema del Coaching.

Sabato 7 settembre

Alle 17 il direttore scientifico del festival, Remo Bodei, terrà una conferenza su Educazione: crescere su sé stessi (ore 17, sagrato della Chiesa del Suffragio).

Alle 18,30, nello stesso luogo, due scrittori, Massimo Ammaniti e Paolo Conti si confronteranno su Il mestiere più difficile del mondo. Come si “diventa” genitori.

E alle 19 a Palazzo Cucchiari, conferenza di Eva Cantarella dal titolo Paideia. L’educazione permanente dei greci.

Giacomo Rizzolatti racconterà Il cervello specchio: le basi neurali dell’empatia in un incontro, sempre sabato 7 settembre alle 20, sul sagrato della Chiesa del Suffragio.

Stefano Franci e Vincenzo Colla si confronteranno sul tema Formazione e lavoro alle 21,30 nel giardino di Palazzo Binelli.

Domenica 8 settembre

Tra gli incontri dell’ultima giornata di con-vivere, alle 18 quello con Irene Tinagli che interviene su Competenze e politica (giardino di Palazzo Binelli).

Alle 20, conferenza di Mario Tozzi su Un pianeta a secco. Educare al rispetto dell’ambiente (corso Rosselli).

E alle 22, sempre in corso Rosselli, conferenza e musica per Mogol racconta Mogol.

 

Gli spettacoli

Sul fronte degli spettacoli, da non perdere, giovedì 5 settembre (ore 22, sagrato della Chiesa del Suffragio), il concerto di Danilo Rea e Ramin Bahrami intitolato Bach in the air. La musica immortale di Bach eseguita in maniera magistrale dal talento di due maestri del pianoforte. Partire da Bach per costruire un ponte tra mondi ed epoche diverse ma conciliabili. È l’idea di Bahrami, pianista classico tra i più famosi a livello internazionale proprio per la sua maniacale devozione alla musica del Kantor, e Danilo Rea, pianista jazz di cultura eclettica che fa dell’arte dell’improvvisazione la chiave che apre tutte le porte musicali.

Venerdì 6 settembre, sempre davanti alla Chiesa del Suffragio alle 22, i Thashi Lhunpo Monks offriranno una serata in cui spettacolo e spiritualità si mescolano senza soluzione di continuità. I monaci di Tashi Lhunpo sono un ensemble che tramanda musiche e danze rituali. Il monastero Tashi Lhunpo, fondato nel XV secolo, è uno dei più importanti centri culturali e religiosi del Tibet centrale. A seguito della fuga dal Tibet, alcuni monaci riuscirono a seguire il Dalai Lama nel suo esilio e a ricostruirlo nel sud dell’India, a Bylakuppe. Negli ultimi dieci anni, i monaci di Tashi Lhunpo hanno fatto conoscere il monastero in tutto il mondo, diventando il più importante e qualificato nell’ambito delle rappresentazioni tradizionali e religiose.

 

Le mostre

Nei giorni del festival i musei di Carrara saranno a ingresso gratuito e con orari prolungati.

Tra le esposizioni del festival, Non è mai troppo tardi è uno spaccato della vita e del lavoro del “maestro della tv” Alberto Manzi (curata dalla Regione Emilia Romagna). Quando imparare diventa un gioco, è dedicata invece agli storici album didattici di figurine degli anni ’50 e ’60. E Nostalgia di futuro è una mostra su Adriano Olivetti, curata dalla Fondazione Adriano Olivetti.

Il 6 settembre a Palazzo Cucchiari si inaugura la mostra di Andrea Martinelli Storie di uomini e ombre. Opere 1999-2019.

Martinelli (Prato, 1965) è uno dei pittori e disegnatori italiani più affermati che si è distinto per la sua originale ricerca sul tema delle ombre, del volto e della figura umana. A Palazzo Cucchiari saranno esposte una settantina di opere, molte delle quali di grande formato.

 

I film

Il primo appuntamento con la rassegna cinematografica è giovedì 5 settembre (ore 21, Cinema Garibaldi) con Un affare di famiglia di Kore’eda Hirokazu (Giappone 2018), Palma d’oro a Cannes 2019.

Venerdì 6 settembre (ore 20,30) è in programma La Classe di Laurent Cantet (Francia 2008), Palma d’oro a Cannes 2008, giuria unanime.

A seguire, alle 22,30 Che vuoi che sia (Italia 2016) di Edoardo Leo. Leo, attore, regista e sceneggiatore sarà protagonista, sabato 7 settembre, alle 21,30 (Corso Rosselli) della conferenza Un artigiano dello spettacolo.

Chiude la rassegna cinematografica di con-vivere 2019 Ready Player one di Steven Spielberg (USA 2018) in programma domenica 8 settembre (ore 21).

 

Il festival

Con-vivere è promosso dal Comitato per il festival con-vivere, che ha come capofila la Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara. Ne fanno parte: Comune di Carrara, Accademia di Belle Arti di Carrara, Camera di Commercio Massa-Carrara e Fondazione Marmo. Con-vivere ha ottenuto il patrocinio della Regione Toscana e della Provincia di Massa Carrara.