A Peccioli la mostra di Zerocalcare “Senza santi, senza eroi”

Dal 29 maggio al 20 settembre 2020 al Palazzo Pretorio di Peccioli (PI) la mostra “Zerocalcare. Senza santi, senza eroi”

 

Nove ritratti, dal T-rex a Kurt Kobain, da Gaetano Bresci a Nasrin. E una serie di immagini legate ai movimenti di opposizione sociale degli ultimi anni e alla cronaca internazionale e italiana.

Sono i due nuclei della mostra Zerocalcare, Senza santi, senza eroi, che il Museo di Palazzo Pretorio a Peccioli (Pi) ospita dal 29 maggio al 20 settembre.

L’esposizione include nuovi lavori realizzati appositamente da Michele Rech, classe 1982, in arte Zerocalcare, oltre ad alcune tavole realizzate fra il 2003 e il 2020.

 

La mostra

I ritratti, su tela e foglia oro, esposti nella prima sala e lungo il vano scale del Palazzo Pretorio, raffigurano i tipici personaggi del repertorio di Zerocalcare, nomi famosi e persone qualunqu. Un racconto di come i santi e gli eroi di oggi non siano solo quelli che sacrificano la propria vita con gesta memorabili ma anche, o soprattutto, quelli che combattono quotidianamente per avere un posto nel mondo.

La seconda parte della mostra si sviluppa dall’idea che non si può restare fermi a guardare mentre il futuro ci viene rubato da scelte che non tutelano il bene comune. “Io ho ancora fiducia che le cose possano cambiare, che si possa fare qualcosa”, spiega l’autore. “Credo abbia senso fare delle cose, manifestare, comunicare, mettere in pratica dei cambiamenti, sperimentare forme di vita, commercio, socialità, cultura. Vale molto più quello di qualsiasi ideologia o fede nella rivoluzione”.

Tra le storie raccontate qui, ci sono quella di Renato Biagetti in La politica non c’entra niente (insieme a Push/R) 2007, o di Gaetano Bresci in Autocensure, 2015. E poi Contro gli abusi di potere: Copsville, 2012 e 6 pagine su 3 mesi di carcere, 2018. E vicende tratte dalla cronaca nazionale come Questa non è una partita a bocce, pubblicato su L’Espresso nel 2018. Ai movimenti di protesta sono dedicati See you on the Barricades (2007), Ilva (2017), Libertà di dimora (2015), No Borders (2018).

A chiudere la mostra sono un approfondimento dedicato alla difesa dei diritti civili espresso nelle tavole di Fagli più tette (2012) e Coppie di fatto (2016), e analisi della nostra società in Il demone della reperibilità (2013), Macerie prime (2017) e Macerie prime sei mesi dopo (2018).

 

La realizzazione

L’esposizione è realizzata da Minimondi Eventi, è ideata e prodotta da Silvia Barbagallo, con la cura di Giulia Ferracci, ed è promossa dalla Fondazione Peccioli per l’Arte.

Sarà aperta dal martedì alla domenica con ingresso libero.

 

Info

Cosa: “Zerocalcare. Senza santi, senza eroi”
Dove: Museo di Palazzo Pretorio, piazza del Popolo 5, Peccioli (Pi)
Quando: dal 29 maggio al 20 settembre 2020
Ingresso libero
Orari: martedì e giovedì dalle 10 alle 13, mercoledì, venerdì, sabato e domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19
Per informazioni: Fondazione Peccioli per l’Arte, email info@fondarte.peccioli.net, tel. 0587 672158 e 0587 936423