Al Cibart di Seravezza la scultura di Mastromarino e Francioni creata con i libri recuperati

Vecchie enciclopedie, buttate dai proprietari, e recuperate per diventare materia prima di un’opera d’arte. A firmarla sono Antonio Mastromarino ed Eleonora Francioni che esporranno il loro lavoro al Cibart di Seravezza da venerdì 26 a domenica 28 luglio. Per realizzarlo hanno utilizzato una innovativa tecnica robotica di fresatura, che ha fatto emergere, dalla catasta di vecchi libri (recuperati grazie a Ersu), il volto di Leonardo Da Vinci.

Proprio a Leonardo, e al suo rapporto con il cibo, è dedicata infatti l’edizione 2019 di Cibart.

Mastromarino e Francioni partecipano a Cibart anche con il loro monumentale Leonardo, realizzato in resina. E con La Donna in Gravidanza, una piccola statua che raffigura una madre in attesa, appoggiata in atteggiamento meditabondo ad una pila di libri. Un’opera che vuole essere di denuncia verso una legislazione troppo severa in materia di procreazione assistita.