Alla galleria Bonelli di Pietrasanta l’omaggio a Salvo

Con un Omaggio a Salvo, la galleria Giovanni Bonelli partecipa alla Collectors Night, la notte dell’arte e dei collezionisti, di Pietrasanta, sabato 6 luglio.

L’inaugurazione è fissata per le 19 nello spazio espositivo di via Nazario Sauro 56. La mostra durerà fino all’11 agosto.

Una ventina le opere esposte, che ripercorrono l’attività dell’artista dalla seconda metà degli anni ’80 fino all’ultima produzione.

Le tele raffiguranti visioni di paesaggi marini e montani, sono accomunate dalla semplificazione iconica delle forme e dei volumi con rimandi che vanno dalla tradizione pittorica medievale alle geometrie metafisiche di De Chirico.

I colori inconfondibili delle opere – i tramonti infuocati di giallo, arancione e viola, i notturni azzurri e blu, i cieli tersi con pennellate lilla – rappresentano un ulteriore elemento distintivo di una pittura che ha saputo essere moderna pur nella sua presunta arcaicità.

Salvatore Mangione detto Salvo (Leonforte, 1947 -Torino 2015), siciliano di origine, si trasferì a Torino nel 1956. Qui ben presto entrò in contatto con tutti i principali esponenti dell’arte povera. Dopo un inizio di carriera all’insegna del neonato movimento Salvo scelse, a partire fine degli anni ’70, un ritorno alla pittura che avrebbe poi caratterizzato tutta la sua produzione successiva.

 

Nella foto: Salvo, Senza titolo, 1987, olio su tela