Arte, a Lucca Fortunato Depero tra futurismo e pubblicità

Inaugurazione il 10 maggio al Lucca Center of Contemporary Art per la mostra Fortunato Depero. Dal sogno futurista al segno pubblicitario

 

Riapre il 10 maggio, con una mostra dedicata a Fortunato Depero, il Lu.c.c.a. – Lucca Center of Contemporary Art, dopo un restyling di alcuni mesi.

Eclettico, ironico e visionario, Depero è stato uno dei maggiori rappresentanti del futurismo. Ma fu anche molto vicino al mondo dell’industria e della pubblicità. E la mostra del Lu.c.c.a., con le sue 80 opere esposte, ben riassume entrambi gli aspetti della personalità dell’artista.

Il titolo dell’esposizione è infatti Fortunato Depero. Dal sogno futurista al segno pubblicitario.

La mostra, a cura di Maurizio Scudiero, storico di riferimento per il Futurismo, e Maurizio Vanni, museologo e storico dell’arte, resterà aperta fino al 25 agosto 2019.

 

Tecnologia al servizio dei visitatori

E sarà un’occasione per sperimentare le nuove dotazioni tecnologiche e interattive del Lu.c.c.a., che proprio il 10 maggio riapre dopo alcuni mesi di restyling.

Un chatbot consente ai visitatori di ricevere, sul proprio cellulare, informazioni sulle opere che stanno guardando, in italiano e inglese.
Un impianto di localizzazione consente inoltre di capire quali siano le opere più attrattive per il pubblico.

La tecnologia è funzionale al miglioramento delle performance del museo, ma è anche finalizzata a creare un’esperienza personalizzata.

Grazie alla localizzazione, sarà possibile contestualizzare la visita e veicolare il contenuto informativo in base all’opera che il visitatore si trova di fronte, per rendere l’esperienza di visita più digitale e coinvolgente.

Il chatbot funzionerà come una guida personale, con la quale interagire, che suggerirà le opere e i punti di maggiore interesse durante la visita.

 

I capolavori di Depero

In mostra i capolavori provenienti da importanti collezioni italiane raccontano il sogno futurista di Fortunato Depero dal 1914 fino alla prima metà degli anni ’20. E approda poi al mondo della pubblicità, con disegni, collage e grafiche per le campagne dell’Acqua San Pellegrino, del liquore Strega, del mandorlato Vido, dei mattoni Verzocchi, del tamarindo Erba, del cioccolato Unica. Ma soprattutto per la Campari, a cui è dedicata un’intera sala.

Depero rivoluzionò i criteri del manifesto pubblicitario e ne rivide anche l’impostazione, puntando soprattutto sul carattere tipografico considerato elemento caratterizzante e simbolo del prodotto.

In mostra non manca la documentazione delle sue collaborazioni nel campo dell’editoria come quelle per La Rivista illustrata del Popolo d’Italia e per la stampa periodica americana come Vogue, Vanity Fair, Sparks e The News Auto Atlas.

 

Info

Cosa: Fortunato Depero. Dal sogno futurista al segno pubblicitario
Dove: Lu.c.c.a. – Lucca Center of Contemporary Art, via della Fratta 36, Lucca
Quando: dal 10 maggio al 25 agosto
Orario: martedì a domenica ore 10-19; chiuso il lunedì e il 15 agosto
Biglietti: intero 10 euro, ridotto 8 euro
Per informazioni: tel. 0583 492180, email info@luccamuseum.com, sito web: www.luccamuseum.com

 

Nella foto, Bagnante, di Fortunato Depero (particolare)