Arte, a Viareggio i dipinti di Guido Morelli

Inaugurazione sabato 6 luglio (ore 18) al Museo della Marineria di Viareggio, per la mostra Forse un’isola, personale di Guido Morelli.

In esposizione un ciclo di recenti oli su tela: lavori dall’impronta materica, nei quali sono raffigurati sintetici paesaggi marini. Non evocazioni di luoghi reali, bensì composizioni in cui ciò che conta è la ricerca di una forma fondata su un gioco di rispondenze e su un equilibrio di spazi.

Quella di Morelli è una pittura ‘mentale’, in cui è accentuata la dimensione della memoria: l’artista si concentra su un linguaggio psicologico del dipinto, allontanandosi dagli aspetti descrittivi e mirando a una pura fusione di cromatismi e luminosità.

Morelli è nato a La Spezia nel 1967, ma da anni vive in provincia di Piacenza. Ha all’attivo un nutrito curriculum espositivo, in Italia e all’estero. Sue opere di grandi dimensioni sono state acquisite da parte della Scuola Normale Superiore di Pisa nel 1998 e del Mim – Museum in Motion di Castello di San Pietro in Cerro (Pc) nel 2008.

La mostra, patrocinata dal Comune di Viareggio, è inserita nel ciclo di eventi Il mare in bottiglia, curato dall’associazione Amici del Museo della Marineria di Viareggio.

È organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio ed è corredata di catalogo con testo critico di Rosella Tiadina.

Il Museo della Marineria si trova sul Lungo Canale Est 32. La mostra resterà aperta fino al 4 agosto 2019, tutti i giorni (escluso lunedì) con orario 18 – 23. L’ingresso è libero. Per informazioni, tel. 333 2318925.