Arte, Giuseppe Cavallini al Museo Ugo Guidi

Domenica 16 giugno l’inaugurazione di “Una luce nuova… la pittura di Giuseppe Cavallini”, al Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi

 

“Bravo Cavallini. Hai trovato una luce nuova, non lasciarla mai”, così scriveva Carlo Carrà nel 1960. E da queste parole prende il titolo la mostra che il Museo Ugo Guidi – Mug, di Forte dei Marmi dedica al pittore livornese: “Una luce nuova… la pittura di Giuseppe Cavallini”, dal 16 al 30 giugno.

 

Giuseppe Cavallini

Cavallini (1916-2000) ha vissuto e lavorato nella sua città per tutta la vita. Il suo esordio artistico si può datare con la pubblicazione, nel 1949, di alcune illustrazioni su Il Martello, periodico d’informazione degli operai del cantiere navale Luigi Orlando di Livorno, dove Cavallini lavorò come operaio fino al 1956.

Innumerevoli sono stati i premi conseguiti da Cavallini e le esposizioni alle quali ha partecipato. Ha esposto alla Galerie International des Musee de Beaux Arts, alla Galerie Temple des Art di Vienne (Lione) e alla Galerie Internationale di New York.

Di lui hanno scritto con sincero apprezzamento molti critici legati dapprima al realismo socialista e successivamente alla pittura figurativa in genere. Tra questi Guttuso, Treccani, Carrà, De Grada, Trombadori, Loffredo, Giovanni March, ecc.

Le opere di Cavallini si trovano in importanti collezioni sia private che pubbliche.

Nel 1975 gli è stato conferito il titolo di Accademico benemerito dall’Accademia Universale G. Marconi di Roma.

 

Il testo critico

La mostra, e il catalogo che l’accompagna, sono curati da Lorenzo Belli.

“Cavallini si è formato respirando l’area del mare di Livorno e, partendo dall’eredità stilistica dei macchiaioli, ha affermato un suo personale linguaggio d’espressione oggettivo carico di colore e pathos”, scrive belli nel testo critico.

“Cavallini è capace di catturare la luce con potenza e gestualità figlia del la tradizione italiano di eredità labronica ed usa i colori come carta tornasole dei suoi sentimenti. Fa vivere quel micromondo, animato e non, che caratterizza il substrato sociale di Livorno (…). Quello che per Fattori era il lavoro nei campi per Cavallini è la realtà della fabbrica, i luoghi della vita quotidiana, la piazza del mercato”.

“Nell’arco di una carriera di oltre 40 anni Cavallini ha affinato e mutato la tecnica assecondando il suo particolare sentire: un suo ritratto, un paesaggio, un vaso di fiori, scavano in tutti noi motivi di riflessione sull’animo umano”.

 

La mostra

I dipinti saranno esposti e presentati al Mug con introduzione critica di Lorenzo Belli, domenica 16 giugno alle 18. La visita si sposterà poi al Logos Hotel, dove sono esposti altri dipinti, e dove sarà presentato il video di Giuseppe Joh Capozzolo dedicato alla pittura di Cavallini.

 

 

Info

Cosa: Una luce nuova… la pittura di Giuseppe Cavallini
Dove: Museo Ugo Guidi, via Civitali 33, Forte dei Marmi
Hotel Logos, via Mazzini 153, Forte dei Marmi
Quando: dal 15 al 30 giugno 2019
Ingresso libero
L’esposizione al Mug sarà visitabile tutti i giorni, tranne il martedì, dalle 18 alle 20, o su appuntamento (tel. 348020538 o museougoguidi@gmail.com)
Al Logos Hotel sarà visitabile tutti i giorni dalle 10 alle 23

 

Nella foto: Giuseppe Cavallini, Gioventù inquieta