Cinema: a Seravezza “Centoventi contro Novecento” con il regista Scillitani

Mercoledì 11 dicembre alle Scuderie Granducali di Seravezza il film “Centoventi contro Novecento”, con la presentazione del regista Alessandro Scillitani

 

Due film e due registi che hanno fatto la storia del cinema italiano. E una partita di calcio a suo modo “epica”.

I registi sono Pier Paolo Pasolini e Bernardo Bertolucci. I film, Salò, o le 120 giornate di Sodoma e Novecento. La partita di calcio fu disputata nel marzo del 1975, a Parma: in campo le troupe che erano impegnate, a pochi chilometri di distanza l’una dall’altra, negli stessi mesi, sui due set.

In Centoventi contro Novecento, il regista Alessandro Scillitani racconta quella sfida nel suo film E mercoledì 11 dicembre ne parla con il pubblico alle Scuderie Granducali di Seravezza, in occasione della proiezione.

 

Il film

In una domenica di primavera, sul campo del parco della Cittadella di Parma, si affrontano due singolari squadre di calcio. La rappresentativa della troupe di Salò o le 120 giornate di Sodoma di Pier Paolo Pasolini contro quella di Novecento di Bernardo Bertolucci. Sarà una partita epica, leggendaria nei racconti della gente di cinema che vi partecipò, ma praticamente sconosciuta al pubblico.

Ricostruendo minuziosamente la storia di quella domenica e la memoria ancora viva dei protagonisti, il film tocca diversi argomenti. L’atmosfera dei set, il rapporto contrastato fra Pasolini e il suo ex-allievo Bertolucci, il legame fra quest’ultimo e le radici parmigiane e contadine.

Su tutto, come un filo rosso, il rapporto fra Pier Paolo Pasolini e il calcio: passione inesauribile, pratica continua e quasi ossessiva, espressione di pura vitalità, addirittura di una felicità possibile.