Europa Cinema: a Viareggio anche Giovanni Veronesi

Dal 13 al 19 aprile, per il Lucca Film Festival – Europa Cinema 2019, Viareggio ospita una rassegna dedicata ai diritti umani. La rassegna è curata dalla regista viareggina Barbara Cupisti. Tra gli ospiti Giovanni Veronesi

 

Tanti film, da Sulla spiaggia e di là dal molo a Sulla mia pelle, da Dafne a Una giusta causa. E poi documentari, dedicati alle donne e alla lotta per i loro diritti. E incontri sullo sport e la salute, sempre in chiave femminile. Tra gli ospiti il regista Giovanni Veronesi, che riceverà il premio alla carriera.

E’ il ricco programma degli appuntamenti viareggini del Lucca Film Festival e Europa Cinema, che si svolegerà dal dal 13 al 19 aprile.

La rassegna, curata dalla regista viareggina Barbara Cupisti, sarà dedicata ai diritti umani, con una particolare attenzione ai diritti di genere. Gli appuntamenti sono organizzati dal Comune di Viareggio e dal Robert F. Kennedy Human Rights Italia.

Il festival si svolgerà al cinema Eden e alla Gamc – Galleria d’arte moderna e contemporanea Lorenzo Viani.

Ecco il programma in dettaglio.

 

Sabato 13 aprile

Sulla spiaggia e di là dal molo di Giovanni Fago

Il programma viareggino del festival parte sabato 13 aprile, alla Gamc. Alle 16 ci sarà un evento speciale del Comune di Viareggio: la proiezione del film Sulla spiaggia e di là dal molo, di Giovanni Fago, dal romanzo di Mario Tobino (Italia 2000, 130’).

Seguirà l’incontro Viareggio e il cinema a cura di Giulio Marlia.

 

Lunedì 15 aprile

Dafne di Federico Bondi

Il festival prosegue lunedì 15 aprile, alle ore 16, presso il cinema Eden con la proiezione di Dafne di Federico Bondi con Carolina Raspanti, Antonio Piovanelli e Stefania Casini.

“Dafne ha 35 anni e la sindrome di Down. Vive in completa autonomia col padre Luigi e la madre Maria, ma, quando Maria muore, la vita di Dafne va in frantumi. Luigi cade in depressione e Dafne è costretta ad occuparsi del proprio dolore e di quello del padre. Ma una gita in montagna è destinata a rovesciare la prospettiva”.

Saranno presenti Carolina Raspanti e il regista (ingresso 5 euro).

Il network Film for our future

Sempre lunedì 15, alle 19, alla Gamc, si terrà l’aperitivo di inaugurazione di Europa Cinema (ad invito).

Il programma prosegue al cinema Eden, alle ore 21, con la cerimonia di inaugurazione e la presentazione del network Film for our future a cura di Lorenzo Biferale.

Womanity di Barbara Cupisti

La presentazione sarà seguita dalla proiezione di Womanity di Barbara Cupisti (Italia, 2018, 90’).

“Uno spaccato di vita di quattro donne che vivono in Usa, Egitto e India. L’obiettivo della regista è quello di mostrarci la forza e l’importanza delle donne nell’ambito sociale, lavorativo e domestico”.

Sarà presente la regista (ingresso libero).

Il film sarà replicato martedì 16 aprile alle 10, sempre al cinema Eden.

 

Martedì 16 aprile

In search di Beryl Magoko

Alle 16 al cinema Eden, proiezione di In search, di Beryl Magoko (Germania, 2018, 90’).

La regista, che è anche il soggetto del documentario, racconta in modo autobiografico la sua esperienza con la mutilazione genitale e la successiva possibilità di un intervento chirurgico, confrontandosi anche con altre donne nella sua stessa condizione.
Ingresso libero.

Un convegno sul diritto alla salute

Alle ore 18, alla Gamc si terrà l’incontro su Il diritto alla salute, tra solidarietà ed impegno, con Daniela Di Vita (chirurgo estetico), Giovanni Paolo Cima (ginecologo), Vittoria Doretti (Codice Rosa) e Barbara Cupisti (regista). Modera Ilaria Bonuccelli.

Una giusta causa di Mimi Leder

Alle ore 21 la proiezione de Una giusta causa di Mimi Leder (Usa, 2018, 120’).

Il film racconta la vita di Ruth Bader Ginsburg, la prima donna avvocata, divenuta poi giudice della Corte suprema degli Stati uniti, e le ingiustizie e discriminazioni subite durante la sua carriera in quanto donna.

Introduce Gaetana Morgante (Scuola Superiore Sant’Anna Pisa).

Ingresso libero.

 

Mercoledì 17 aprile

Butterfly di Alessandro Cassigoli

Mercoledì 17 aprile, per l’ultima giornata del festival, si parte alle ore 10 (ingresso libero), al cinema Eden, con Butterfly di Alessandro Cassigoli (Italia, 2018, 80’).

È la storia di Irma Testa, prima pugile italiana ad arrivare, ad appena 18 anni, alle Olimpiadi. Sarà presente il regista Alessandro Cassigoli.

Il film sarà replicato alle 18.

A thousand girls like me di Sahra Mani

Il programma di mercoledì continua alle 16 con la proiezione di A thousand girls like me di Sahra Mani (Francia, 2018, 80’).

Il film è un documentario sulla vera storia di una ragazza afghana in lotta per la giustizia, in un paese in cui le donne non hanno pieni diritti. La regista accompagna la protagonista durante l’intera vicenda per mostrare al mondo come le donne siano vittime di ingiustizie.

Donne professioniste nello sport

Alle 18, alla Gamc, si terrà l’incontro su Il professionismo sportivo femminile, con Debora Salvatori Rinaldi (Florentia Serie A) e Stefano Carobbi (allenatore Florentia). Modera Ilaria Bonuccelli. In collaborazione con Agenzia Lta.

Sulla mia pelle di Alessandro Cremonini

Chiude il festival alle 21 la proiezione speciale di Sulla mia pelle di Alessandro Cremonini (Italia, 2018, 100’). Il film racconta gli ultimi giorni di vita di Stefano Cucchi, arrestato per spaccio nel 2009 e morto pochi giorni dopo l’arresto in circostanze poco chiare.

Ingresso gratuito.

 

Venerdì 19 aprile

Giovanni Veronesi, premio alla carriera

Il festival avrà un’appendice il 19 aprile con il regista Giovanni Veronesi, che riceverà il premio alla carriera. Alle 18 Veronesi parteciperà a un incontro pubblico alla Gamc, con Alessandro Romanini, Annalisa Bugliani e Giulio Marlia, nel corso del quale si ripercorrerà la sua carriera cinematografica e gli sarà consegnato il premio.

 

 

Nella foto Barbara Cupisti