Fotografia: a Pistoia un’antologica dedicata ad Aurelio Amendola

Dall’8 febbraio al 25 luglio 2021 al Palazzo Buontalenti e all’Antico Palazzo dei Vescovi di Pistoia la mostra Aurelio Amendola – Un’antologia. Michelangelo, Burri, Warhol e gli altri

 

È famoso come il “fotografo di Michelangelo”, ma Aurelio Amendola, è molto di più di questo. Nei suoi 60 anni di carriera si è mosso tra l’antico, e l’antichissimo, tra l’avanguardia e l’arte contemporanea, tra gli happening degli anni ’70, gli atelier degli artisti, i grandi e i piccoli musei.

Con quasi 300 immagini, dal 1960 a oggi, la mostra che la Fondazione Pistoia Musei gli dedica a partire dall’8 febbraio 2021 è un’occasione unica per scoprire le tante e diverse attività del fotografo: per la prima volta è esposta la quasi totalità della sua produzione.

Intitolata Aurelio Amendola – Un’antologia. Michelangelo, Burri, Warhol e gli altri, la mostra sarà allestita fino al 25 lugli nelle due sedi di Palazzo Buontalenti e dell’Antico Palazzo dei Vescovi.

Amendola è il fotografo dell’Ermitage di San Pietroburgo, degli Uffizi, dei Musei Vaticani, della rivista FMR, del Vittoriale degli Italiani, e di numerose altre istituzioni museali nazionali e internazionali, legato a molti artisti del ’900.

La sua fotografia non è mai una semplice riproduzione. Interprete per eccellenza dell’opera di Michelangelo, ha dedicato i suoi scatti a Canova, Bernini, Jacopo della Quercia, Donatello e Giovanni Pisano. Ma è anche l’autore dei ritratti di Burri, de Chirico, Warhol, Manzù, Vedova, Fontana, Ceroli, Lichtenstein, Kounellis e molti altri.

La mostra è curata da Paola Goretti e Marco Meneguzzo.

Per l’ingresso alla mostra è necessaria la prenotazione sul sito www.fondazionepistoiamusei.it .