Fotografia: al Pecci di Prato la personale di Jacopo Benassi

Dall’8 settembre al 1° novembre 2020 al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato la prima personale museale del fotografo ligure Jacopo Benassi

 

Si intitola Vuoto la mostra di Jacopo Benassi che dall’8 settembre sarà protagonista al Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato.

Curata da Elena Magini, la mostra racconta 25 anni di fotografia in quella che è la prima personale che un museo dedicata al fotografo ligure.

 

La mostra

Il titolo della mostra, Vuoto, richiama la specifica sensazione dell’autore rispetto alla sua produzione, un desiderio di mettersi a nudo, tirando fuori da sé tutto, in un percorso di auto-esposizione pubblica.

In questa mostra il fotografo si concede interamente allo spettatore, consegnando il suo studio, i suoi strumenti, il panorama creativo che l’accompagna nella gestazione del lavoro, l’insieme degli scatti che danno vita a un’indagine ventennale sui temi dell’identità, della notte, del lavoro.

Dallo studio dell’artista, parzialmente ricreato nelle sale del Centro Pecci, il progetto espositivo accoglie alcune delle serie e dei lavori più significativi dell’autore, e si riversa anche negli spazi cittadini, in cui la mostra viene annunciata da un progetto site specific di affissioni.

La sua prima fotografia è quella di un gruppo punk in un centro sociale: dalla fine degli anni ’80 Benassi si forma nell’alveo della cultura underground spezzina, sviluppando nel tempo uno stile particolare fatto di mancanza di profondità di campo e flash. Una fotografia cruda, vera, pur nella totale mancanza di luce reale: un atto forzato, un evento creato dall’artista in cui lo scatto perfetto non esiste.

I soggetti di Benassi sono i più disparati, dall’umanità che abita la cultura underground e musicale internazionale (a partire dall’esperienza del club Btomic, gestito dallo stesso fotografo con alcuni amici). A ritratti di modelle, attrici, artisti, stilisti, pubblicati nelle più importanti riviste italiane. Fino all’indagine sul corpo, che varia dalla documentazione autobiografica di incontri sessuali, allo sguardo intenso sulla statuaria antica e che può essere considerato il “filo rosso” della sua produzione pantagruelica.

Un posto speciale nell’opera di Benassi è occupato dall’autoritratto, spesso legato al suo percorso performativo. La sperimentazione sulla performance, sua o di altri, si lega costantemente alla musica e viene sempre mediata dall’immagine fotografica, soggetto e oggetto della sua ricerca.

 

The Belt: affissioni in città

In mostra vengono presentate anche opere inedite legate all’interesse di Benassi per l’editoria e la produzione di libri. Proprio da un lavoro editoriale in via di pubblicazione nasce la serie The Belt, progetto sul distretto industriale di Prato in collaborazione con l’Archivio Manteco, che oltre a essere esposto è protagonista delle affissioni pubbliche in città nei giorni precedenti alla mostra.

Con The Belt, dal 31 agosto le attività, gli strumenti, gli uomini e le donne che animano il distretto tessile pratese diventano i soggetti delle immagini esposte su grandi cartelloni pubblicitari in vari punti della città.

 

Jacopo Benassi

È mato nel 1970 a La Spezia, dove vive e lavora.

Nel 2019 ha esposto il progetto Crack in due personali, a Camera – Centro italiano per la fotografia di Torino e al Festival Fotografia Europea 2019 a Reggio Emilia. Nello stesso anno ha tenuto una personale al Palazzo Bentivoglio di Bologna a cura di Antonio Grulli, Bologna Portraits.

Alla fine del 2016 ha pubblicato il libro Gli aspetti irrilevanti, pubblicato da Mondadori e di cui è co-autore assieme a Paolo Sorrentino: il regista vincitore di un premio Oscar ha creato 23 piccole storie partendo da 23 ritratti di Jacopo Benassi.

No Title Yet! è uno spettacolo di fotografia e performance creato con I Kinkaleri.

Nel 2014 è stato presentato un magazine edito dallo stesso Benassi, prodotto al Palais de Tokyo di Parigi in collaborazione con Le Dictateur di Milano.

Ha collaborato con il direttore artistico Federico Pepe a Coco, un progetto di musica e videoarte.

Dal 2013 al 2015 ha esposto per tre edizioni al Si Fest di Savignano sul Rubicone. Nel 2011 ha esposto in una mostra personale alla galleria Zelle a Palermo. Ha aperto Talkinass Paper and Records e prodotto magazine e CD live di artisti della scena underground.

Ha collaborato con registi e scrittori come Paolo Sorrentino, Daniele Ciprì, Asia Argento e Maurizio Maggiani.

Nel 2010 ha preso parte a No Soul for Sale con Le Dictateur alla Tate Modern di Londra, un evento curato da Maurizio Cattelan e Massimiliano Gioni.

Nel 2009 la 1861 United Agency ha pubblicato una monumentale monografia di Benassi: The Ecology of Image. Sempre nel 2009 ha preso parte a FotoGrafia – International Festival of Rome. Nel 2007 ha esposto nella mostra Vade retro. Arte e omossessualità, da von Gloeden a Pierre et Gilles, curata da Vittorio Sgarbi e Eugenio Viola.

Ha collaborato con numerose riviste in Italia e all’estero. Nel 2005 ha partecipato a Aphotography alla Changing Role gallery a Napoli e nel 2006 – 2007 ad Artissima, Torino.

 

Info

Cosa: Vuoto, di Jacopo Benassi
Dove: Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, viale della Repubblica 277, Prato
Quando: dall’8 settembre al 1° novembre 2020, aperto dal giovedì alla domenica dalle 12 alle 20
Biglietti: 7 euro (ridotti 5 euro)

 

Foto: Jacopo Benassi, Blondie (Debbie Harry), 2009-10