In ricordo di Vittorio Fagone: alla Fondazione Ragghianti una tavola rotonda

La Fondazione Centro Studi sull’Arte Licia e Carlo Ludovico Ragghianti organizza a Lucca, mercoledì 7 novembre, dalle 16, una tavola rotonda per ricordare Vittorio Fagone, storico e critico dell’arte contemporanea, scomparso all’inizio del 2018, che della Fondazione è stato direttore dal 2000 al 2007.

Un’iniziativa doverosa e necessaria, per riflettere sulla sua eredità di studioso e organizzatore culturale, con la partecipazione di Renato Barilli, Angela Madesani, Gabriele Mazzotta, Emanuele Montibeller e Ferdinando Scianna, che negli anni hanno collaborato con Fagone e hanno avuto con lui un rapporto di amicizia e di stima, oltre che di lavoro. Coordina Paolo Bolpagni, attuale direttore della Fondazione.

In ricordo di Vittorio Fagone – Fondazione Ragghianti Lucca

Vittorio Fagone, tra i primi in Italia, ha dedicato molta parte delle sue ricerche alla videoarte, al cinema d’artista e all’interazione fra media diversi; ancora oggi il suo saggio L’immagine video, del 1990, è un testo imprescindibile sull’argomento, così come fondamentale rimane il suo contributo su Studio Azzurro.

Vittorio Fagone (Floridia, 1933 – Milano 2018), storico e critico dell’arte contemporanea, è stato direttore della Fondazione Ragghianti di Lucca dal 2000 al 2007. Successivamente è stato membro del Comitato scientifico della Fondazione e ha mantenuto il ruolo di direttore responsabile di «Luk», il notiziario di studi e attività della Fondazione Ragghianti, fino al 2016. Docente alla Scuola di specializzazione in storia dell’arte dell’Università di Siena e ha insegnato nella Facoltà di Architettura del Politecnico di Milano. Docente di Storia dell’arte contemporanea e direttore della Nuova Accademia di Belle Arti di Milano ed è stato visiting professor dell’Art Department della New York University.

Dal 1994 al 2001 è stato il primo direttore della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, di cui, collaborando con Vittorio Gregotti, ha realizzato il piano museologico delle attività.

Nel 1974 ha fondato, con Lara Vinca Masini, il Museo Progressivo d’Arte Contemporanea di Livorno. Con Renato Barilli, Flavio Caroli, Mercedes Garberi e Augusto Morello ha curato per il Comune di Milano il piano “Milano 80”, cui si devono eventi espositivi ancor oggi considerati di particolare rilevanza critica, quali la mostra “Annitrenta” e “Arte italiana”. .

Ha diretto il piano “Palermo Capitale d’Arte”, nel cui ambito sono state realizzate importanti mostre, identificati nuovi spazi espositivi e progettato da Mario Botta lo “Spazio Multimediale d’Arte Contemporanea”.

Curatore di esposizioni e rassegne internazionali dedicate ai rapporti tra arti visuali, media e nuove tecnologie, tra le quali la Biennale di Venezia, Documenta di Kassel (1987), Infoart di Kwangiu, festival VideoArt di Locarno e molte altre. È autore di numerosi studi sull’arte, l’architettura, il design e i media visuali del XX secolo.  Dal 2000 al 2007 ha diretto la Fondazione Centro Studi sull’Arte Licia e Carlo Ludovico Ragghianti, realizzando importanti esposizioni.

 

Mercoledì 7 novembre 2018 alle 16

In ricordo di Vittorio Fagone

Lucca, Fondazione Ragghianti – Sala conferenze “Vincenzo da Massa Carrara”

Complesso monumentale di San Micheletto, Via San Micheletto 3  Lucca

e-mail: info@fondazioneragghianti.it | tel. +39 0583 467205

Ingresso libero

 

nella foto: la sede della Fondazione Ragghianti