La “focata”, le bancarelle e i fuochi d’artificio: a Forte dei Marmi è Sant’Ermete!

I festeggiamenti per il patrono iniziano sabato 25 agosto, ma il clou è martedì 28, con il grande mercato e lo spettacolo pirotecnico

di redazione

Centinaia di bancarelle sparse per tutto il centro storico: abiti (e sempre tanto cachemire, che sembra diventato il prodotto tipico di Forte dei Marmi), scarpe, pashmine e scialli, piumini e cappotti per il prossimo inverno, occasioni imperdibili e stock di grandi marche, bigiotteria e profumi, ceramiche e biancheria per la casa, ritrovati fenomenali per pulire qualsiasi cosa senza fatica, per lavare senza sapone, per pettinarsi i capelli come dal parrucchiere.

E poi i banchi con la porchetta, gli hot dog e le patate fritte, i brigidini e i croccanti, la frutta secca e le olive

E alla fine i fuochi d’artificio dal Pontile, sempre con il dubbio che la pioggia rovini lo spettacolo, ma sempre alla fine riuscitissimi, con gli oh dei bambini (e non solo) che si levano a ogni esplosione di luce. Lo spettacolo va visto, rigorosamente, dalla spiaggia, possibilmente dopo una cena consumata con i piedi nella sabbia.

Sant’Ermete, festa del patrono, è la più grande festa di Forte dei Marmi, ma è sicuramente un avvenimento per tutta la Versilia, e per tutti i turisti. E anche se molti, proprio il 28 agosto, sono appena rientrati in città, c’è chi non resiste a tornare per una giornata almeno.

È la festa che segna la fine dell’estate, anche se in realtà settembre (e spesso ottobre) vede ancora spiagge affollate, caldo, e voglia di vacanza.

Il programma ufficiale prende il via sabato 25 agosto: alle 17,30 alla chiesa di Sant’Ermete viene consegnato il premio Amico di Forte dei Marmi, con un concerto d’organo, la presentazione del santino 2018 e la lettura della Poesia patronale 2018.

Lunedì 27 agosto, alle 21 la celebrazione religiosa, con il Corteo Storico che, partendo da Piazza Dante, porterà il Santo Patrono, attraverso le vie del centro, fino alla chiesa di Sant’Ermete.

Alle 22,15, tocca alla tradizionale focata, il grande falò in in Piazza Garibaldi, seguita dallo spettacolo della Banda La Marinara e dall’esibizione degli sbandieratori delle contrade Ponte, Lucertola e Cervia. Saranno presenti anche animazioni per bambini sia durante l’attesa per la focata sia successivamente per la tradizionale Tombola di Sant’Ermete.

Martedì 28, la festa entra nel vivo, con le bancarelle che apriranno dalle sette del mattino fino a mezzanotte (anche se, di solito, poche resistono fino a quell’ora). Alle 18.30 si svolgerà la Santa Messa solenne alla Chiesa di Sant’Ermete.

E infine, alle 22, lo spettacolo pirotecnico sul Pontile.

Il comune avverte che la viabilità subirà modifiche nei giorni del 27, 28 e 29 agosto.