A Lettera 22 un fine settimana ricco di eventi

Fine settimana denso di interessanti appuntamenti al Lettera 22 di Viareggio che propone da venerdì 9 fino a domenica 11 novembre, presentazioni di libri e una esposizione “chicca” di illustri trapassati.

 

Instabili visioni di un mondo che cambia in fretta: il libro di Paolo Albani

Si inizia venerdì  9 novembre (alle 18) con lo scrittore, poeta visivo e performer Paolo Albani che torna al caffè per parlare del suo ultimo libro Sogni di un digiunatore e altre instabili visioni” per Exorma edizioni. Insieme a lui il traduttore Alessadro Rossi.

Albani, dirige Nuova Tèchne, rivista di bizzarrie letterarie e non, è membro dell’OpLePo (Opificio di Letteratura Potenziale).  È autore di curiosi repertori enciclopedici, tra i quali Aga magéra difúra: dizionario delle lingue immaginarie e ha anche dato alle stampe Forse Queneau. Enciclopedia delle scienze anomale, in omaggio allo scrittore francese e Mirabiblia, un catalogo ragionato di libri introvabili. E’ autore inoltre di numerose pubblicazioni e di racconti comico-surreali.

In questo libro narra episodi finti e realmente accaduti, dove i diversi punti di vista delle storie appaiono come riflessi di una visione instabile che sembra scomporsi appena dopo essersi fissata sulla pagina. Alludono forse alla precarietà del nostro percepire il mondo e noi stessi come entità separate, un mondo dove tutto cambia di continuo e in fretta mentre noi abbiamo sempre più confusamente l’impressione di continuità, di essere sempre gli stessi.

 

Trapassati illustri e immortali: i ritratti di Alex Tirana

Sabato 10 novembre, sempre alle 18, inaugurazione della mostra di disegni, realizzati con una biro, di Alessandro Albanese aka Alex Tirana dal titolo ‘Trapassati illustri, ritratti di autori immortali ma defunti’.

In punta di biro, la penna più comune ed economica, sulla nobile carta per acquerello, i suoi disegni compongono una galleria di ritratti di scrittori che hanno incantato milioni di lettori e che hanno un’evidente cosa in comune, sono morti. Questa è una sorta di educazione letteraria per l’autore che, partendo da documentazione fotografica, con tutte le sfumature possibili date della carta di pregio, ed i mille segni del suo tratteggio compulsivo, ne reinterpreta i connotati secondo suo gusto, senza pretese psicanalitiche. Semplici disegni a biro, classici e lapidari. Un viaggio nel mondo della scrittura attraverso i ritratti dei maestri della parola scritta: da Jack London ad Alda Merini e da J. D. Salinger a Ernest Hemingway. Tutti autori di classici immortali e tutti

 

Anteprima nazionale del romanzo di Doug Johnstone

Domenica 11 novembre, alle 11 di mattina, colazione con lo scrittore scozzese Doug Johnstone che presenta, in anteprima nazionale, il suo libro L’ultima volta, che sarà pubblicato da CasaSirio e uscirà nelle librerie il 16 novembre. Con lui ci saranno Chiara Lecito e Martino Ferrario, quest’ultimo in veste di traduttore.

Johnstone è uno scrittore, musicista e giornalista. I suoi lavori hanno ricevuto l’apprezzamento di scrittori come Irvine Welsh, Ian Rankin e William Mcllvanney.

Colpisci e scappa (CasaSirio), pubblicato in Gran Bretagna da Faber&Faber, ha raggiunto il primo posto nella classifica dei bestseller di Amazon. Un risultato confermato con i successivi romanzi. È tra i fondatori dello Scotland Writers Football Club dove gioca con il numero 10. Ha una laurea in fisica e un dottorato in fisica nucleare. Per quattro anni ha progettato radar.

L’ultima volta è un thriller e un romanzo di formazione, che parte dalla scomparsa della moglie del protagonista. Ne nasce una “caccia alla donna” che ci racconta cosa vuol dire perdere l’innocenza e l’amore, ma mai la voglia di combattere.

Johnstone sarà anche al Pisa Book Festival, domenica 11 novembre alle 16, presentato da Gianpaolo Simi.

 

Dove: Lettera 22, via Mazzini 84, Viareggio