Libri: Margherita Loy a Villa Argentina

Mercoledì 13 marzo Margherita Loy presenta il suo romanzo Una storia ungherese, a Villa Argentina, Viareggio

 

Una giovane donna nell’assedio di Budapest, nel 1945. Nascosta in una cantina, scrive. Ricorda e racconta l’infanzia, gli anni passati. Ma anche un presente violento e terribile. È Kinga, la protagonista di Una storia ungherese, il primo romanzo di Margherita Loy.

L’autrice lo presenterà mercoledì 13 marzo a Viareggio, per la rassegna Di mercoledì: scrittori e lettori sulla terrazza di Villa Argentina, promossa dalla Provincia di Lucca (ore 17, ingresso libero). Con lei il giornalista Adolfo Lippi.

Margherita Loy, romana, vive nella campagna lucchese. Dopo alcuni libri per bambini, esordisce nella narrativa con questo romanzo, pubblicato dalla casa editrice indipendente Atlantide.

 

Il romanzo

Budapest, gennaio 1945. La città è sotto le bombe. L’Armata Rossa la stringe d’assedio, ma l’esercito tedesco non cede.

Kinga, vent’anni, si rifugia in cantina, e scrive. Ricorda la casa di campagna in cui ha vissuto con la nonna. Racconta il suo amore per il giovane ebreo Gyalma. Il padre italiano, che dipinge e che ha abbandonato la famiglia, suo fratello Alexander.

Ma osserva anche il presente. Un’età e un mondo in cui la gente, all’improvviso, si è trasformata, e si è scoperta razzista, accecata dall’odio, assetata di violenza.

 

Cosa: Di mercoledì: Margherita Loy presenta Una storia ungherese
Quando: mercoledì 13 marzo, ore 17
Dove: Villa Argentina, via Fratti angolo via Vespucci, Viareggio
Ingresso libero fino ad esaurimento posti
Per informazioni: tel. 0584 1647600, e.mail musei@provincia.lucca.it