Lido di Camaiore: prevenzione e spettacolo al Moby Dick

Domenica 11 agosto al Bagno Moby Dick di Lido di Camaiore, “Ma lei aveva le ali”, un incontro sulla prevenzione oncologica, con una sfilata di moda e momenti spettacolo

 

Un incontro per parlare di prevenzione ma anche di estetica in campo oncologico, di guarigione, del supporto ai familiari e amici dei malati di tumore e di sessualità e malattia.

E poi una sfilata di moda in cui la malattia lascia il posto all’eleganza e alla bellezza. E momenti di spettacolo con la danza e gli artisti di strada.

L’iniziativa, con il titolo Ma lei aveva le ali, si svolgerà domenica 11 agosto, a partire dalle 19, al bagno Moby Dick, a Lido di Camaiore (viale Europa 125).

L’iniziativa è organizzata dall’associazione Mi Curo di Me Onlus in sostegno del paziente Oncologico. Hanno collaborato Confartigianato Imprese Lucca, il Comitato Viareggio-Versilia della Croce Rossa Italiana, Fidapa BPW Sezione Versilia e il bagno Moby Dick.

 

Il dibattito

All’incontro parteciperà Siria Perretti, presidente dell’associazione Mi curo di me Onlus, che introdurrà il tema dell’estetica oncologica come parte di un protocollo di aiuto al paziente che scopre e vive la malattia tumorale. Ci saranno anche Duilio Francesconi, senologo e direttore dell’Ospedale Versilia, tra i primi ad aver creduto nell’attivazione di uno sportello di prevenzione e sostegno e Sara Donati, oncologa dell’Ospedale Versilia che tratterà il tema oncologia e guarigione.

Interverranno anche due psicologi e psicoterapeuti. Filippo Frediani parlerà del caregiver, figura di supporto per i familiari e amici dei malati di tumore. Mentre Sandra Barberini affronterà il delicato tema della sessualità in oncologia.

Michela Fucile, presidente di Confartigianato Lucca Imprese, presenterà le iniziative di formazione che l’associazione ha intrapreso per formare professionalità specializzate in estetica oncologica. Infine Patrizia Falleni, naturopata e riflessologa, vicepresidente di Mi curo di Me, illustrerà i benefici delle cure fisiche ed estetiche sul benessere psicofisico di chi si trova ad affrontare la malattia tumorale.

 

Gli spettacoli e la sfilata

Un denso e articolato programma dunque, intervallato però da momenti ludici e di spettacolo affidati alle allieve di Irene Forli, direttrice della scuola di danza classica e moderna Progetto Danza Arabesque e da una intensa performance di teatro e acrobatica a cura di Lucia Paolini e Mara Sardi dell’associazione di artisti di strada I Chicchi D’Uva.

Bruco e farfalla: il cuore dell’evento è rappresentato da una speciale e unica sfilata di moda dove la malattia lascia il posto alla gioia e alla bellezza.

Al termine dello spettacolo, per chi lo desidera è in programma un apericena sociale al costo di 25 euro (bambini 15 euro). Per prenotare telefonare ai numeri 348 8978267/ 338 2020162.

Parte del ricavato sarà finalizzato all’acquisto di un innovativo casco refrigerante, strumento utile per prevenire la caduta dei capelli durante la chemioterapia.