Livorno in festa con Effetto Venezia

Dal 31 luglio al 4 agosto grande festa per Livorno con la 34a edizione di Effetto Venezia. Tanta musica, ma anche teatro, arte, gastronomia, e chiusura con i fuochi d’artificio

 

Cinque giorni di musica, spettacoli, mostre, gastronomia, gite in battello e visite ai musei per scoprire una città bellissima: Livorno. Torna anche quest’anno, ed è la 34a volta, Effetto Venezia, la festa d’estate della città.

Il cuore è nell’antico quartiere La Venezia, lungo i suoi canali, che saranno più vivi che mai da mercoledì 31 luglio a domenica 4 agosto. Per cinque serate, a partire dalle ore 19 fino all’una di notte gli eventi si seguiranno e a volte si accavalleranno nelle piazze, nelle chiese, nelle cripte, nei cortili degli antichi palazzi fino a spingersi nelle Fortezze (la Vecchia la Nuova) e al Mercato Centrale.

Tra gli ospiti delle cinque serate anche Morgan, Mauro Pagani, Bobo Rondelli, Federico Motta, i Killer Queen ed Enrico Nigiotti. Ma anche tante band emergenti, musicisti classici (come Gabriele Baldocci) e blues.

Gli eventi in programma sono tantissimi: impossibile raccontarli tutti, ma si può consultare qui il programma completo.

Vediamo alcuni degli appuntamenti più interessanti e gli eventi imperdibili.

 

I big sul Main stage

Il main stage, ovvero il palco principale di piazza del Luogo Pio sarà sede di concerti gratuiti con nomi importanti della scena musicale italiana. Serata di apertura (31 luglio) con Radio Stop Festival, carrellata di artisti pop dell’estate 2019, seguiranno Francesco Motta (1 agosto), Killer Queen (2 agosto), Enrico Nigiotti (3 agosto) e per un omaggio al grande Faber Morgan, Mauro Pagani e Bobo Rondelli in serata finale (4 agosto).

 

Tra classica, corali e blues

Il settecentesco cortile di Palazzo Huigens farà invece da palco alla musica classica. Torna con un Omaggio ai Queen il pianista di fama internazionale, il livornese Gabriele Baldocci (2 agosto) e spazio ai giovani musicisti del Livorno Music Festival e del conservatorio Pietro Mascagni.

Gli Scali delle Barchette saranno il luogo dove si esibiranno ogni sera le corali cittadine mentre l’ampia Falsabraga della Fortezza Nuova torna ad ospitare Effetto Live, la rassegna dei gruppi musicali emergenti che ogni anno si esibiscono sul palco Pacini. Quest’anno saranno 13 le band in programma.

Note blues sul palco Manlio Pepe di Largo Strozzi dove in prima serata (31 luglio) si esibirà il chitarrista Roberto Luti. Nelle serate successive la musica blues sarà proposta in ogni sua sfaccettatura da gruppi locali e non solo.

 

Le interviste

La Fortezza Vecchia (Quadratura dei Pisani) proporrà ogni sera (ore 19) Welcome on sofa, condotto da Alessia Cespuglio e Stefano Santomauro: un incontro con i big del palco centrale e gli artisti della manifestazione per una intervista libera su temi di attualità, cultura e musica. A seguire musica con dj set e altre iniziative.

 

Il teatro

Non c’è Effetto Venezia senza teatro. Ecco allora i Bottini dell’Olio che ospiteranno, nelle ampie sale della biblioteca posta al primo piano della struttura, lo spettacolo Le stanze dei libri, per la regia di Emanuele Barresi con la Compagnia degli Onesti. Uno spettacolo che si pone come obiettivo divulgare la conoscenza di fatti e personaggi della storia e della cultura della città.

Rassegna di vernacolo toscano al centro culturale Vertigo (via del Pallone) diretto da Marco Conte. Il teatro Enzina Conte proporrà ogni sera una esilarante commedia.

 

Cucina e fuochi d’artificio

Il Mercato Centrale sarà invece deputato alla cucina livornese. Con il Bocca show cooking si imparerà a cucinare piatti di cucina toscana in vernacolo livornese. Tra le ricette del giorno polpette d’acciuga, pasta al favollo e cee finte.

Tornano, quest’anno, i tradizionali fuochi d’artificio: il 4 agosto, per la serata finale, grande spettacolo pirotecnico dalla Fortezza Nuova, con Mezzanottemezzo di fuoco.

 

Scoprire la città in battello e al museo

Effetto Venezia 2019 proporrà inoltre le tradizionali iniziative che negli anni hanno contribuito al successo della manifestazione: il giro dei Fossi in battello, i mercatini degli operatori dell’ingegno, la mostra Artigianato a effetto, le tante mostre d’arte e fotografia. In programma visite guidate di street art a cura di Uovo alla Pop Galleria dedicate a Modigliani.

Il Museo della Città rimarrà aperto ogni sera fino alle 24 per la visita alle collezioni civiche che raccontano la storia della città. Aperto anche nella sezione Luogo Pio Arte Contemporanea che conta, oltre ad opere importanti di artisti del Novecento anche numerosi “inciampi” realizzati da artisti contemporanei.

E poi spazio bambini con esibizioni circensi in piazza dei Legnami e un ampio spazio dedicato al Villaggio della Solidarietà con stand delle associazioni Onlus in piazza dei Domenicani.