Matt Dillon ed Elio Germano tra gli ospiti del Lucca Film Festival

Dal 25 settembre al 4 ottobre, tra Lucca e Viareggio, l’edizione 2020 del Lucca Film Festival e Europa Cinema. Tra gli ospiti Matt Dillon, Elio Germano, Sandra Milo, Caterina Guzzanti, Vinicio Marchioni

 

Ci sarà Matt Dillon, protagonista di una masterclass e insignito del premio alla carriera. E la reunion di Boris, con alcuni dei protagonisti della serie, tra cui Caterina Guzzanti e Antonio Catania. Elio Germano racconterà la sua realtà virtuale. Mentre Vinicio Marchioni presenterà il documentario Il terremoto di Vanja.

Anche Thomas Vinterberg, tra i padri fondatori del movimento Dogma 95, riceverà il premio alla carriera. E il maestro del cinema europeo Lech Wajewski presenterà la prima italiana del suo ultimo film Valley of Gods, interpretato da John Malkovich.

A Federico Fellini, a 100 anni dalla sua nascita, saranno dedicati una mostra inedita e un incontro con Sandra Milo.

E’ ricco di ospiti e di appuntamenti il Lucca Film Festival e Europa Cinema, che si terrà dal 25 settembre al 4 ottobre tra Lucca (ai cinema Centrale e Astra) e Viareggio (cinema Centrale) e on line sulla piattaforma Più Compagnia, la sala virtuale del cinema La Compagnia di Fondazione Sistema Toscana.

Sarà un festival diffuso in forma ibrida, tutto a ingresso libero, tra appuntamenti virtuali e reali, con proiezioni, incontri “digitali” ed eventi dal vivo. Tra questi Effetto Cinema Notte, che inaugurerà il festival con il comico Paolo Migone e una campagna social per sensibilizzare i cittadini a rispettare le norme di sicurezza sanitaria, ispirata alle scene più iconiche del cinema internazionale.

 

Gli eventi

Ecco in dettaglio il calendario degli appuntamenti.

 

Omaggio a Boris, sabato 26 settembre

Sarà una grande reunion del cinema italiano: un omaggio all’amatissima serie Tv Borisalla quale parteciperanno Caterina Guzzanti, Antonio Catania, Andrea Sartoretti, Valerio Aprea, Karin Proia, Alessandro Tiberi, Carlo De Ruggieri, Raffaele Buranelli, Giacomo Ciarrapico.

 

Matt Dillon, domenica 27 e lunedì 28 settembre

Grande star del cinema americano, Matt Dillon, sarà a Lucca il 27 per ricevere il premio alla carriera e presentare il suo film da regista City of Gost (cinema Astra, ore 21) interpretato dallo stesso Dillon e James Caan. Il giorno successivo incontrerà il pubblico in una conversazione sul tema del rapporto tra attore e regista, con lo scrittore Nicola Lagioia (Astra, 17,30).

 

Elio Germano e la realtà virtuale, martedì 29 settembre

L’attore Elio Germano parlerà di realtà virtuale presentando Segnale d’Allarme. La mia battaglia VR. Il progetto è nato dallo spettacolo teatrale di cui Germano era attore unico e regista, scritto a quattro mani con Chiara Lagani.  Germano sarà presente alle due proiezioni del 29 settembre (ore 15 e 18,30, cinema Centrale) per incontrare il pubblico e accompagnarlo nell’esperienza, che permette allo spettatore, attraverso particolari visori, di rivivere la pièce teatrale.

Sempre il 29, Germano presenterà il film Volevo Nascondermi di Giorgio Diritti, in cui interpreta Antonio Ligabue (Astra, ore 21), film premiato ai Nastri d’Argento e al Festival di Berlino.

 

Vinicio Marchioni, mercoledì 30 settembre

In programma anche la presentazione del documentario Il Terremoto di Vanja, alla presenza dell’attore e regista Vinicio Marchioni e di Milena Mancini, interprete e sceneggiatrice del film, il 30 settebre al cinema Astra. Il documentario parte dal capolavoro di Čechov per indagare l’immobilità italiana post-terremoto grazie al dialogo ideale tra Marchioni e Čechov, cui presta la voce Toni Servillo.

 

Thomas Vinterberg, dal giovedì 1 a domenica 4 ottobre

Il grande cinema internazionale torna a Lucca con l’omaggio a Thomas Vinterberg, il regista danese, Premio della Giuria al Festival di Cannes con il film Festen, e tra i fondatori, con Lars von Trier, del movimento cinematografico Dogma 95.

Vinterberg riceverà il premio alla carriera domenica 4 ottobre (16,30 cinema Centrale). E dal 1° al 4 ottobre sarà protagonista di una masterclass. L’omaggio del festival ripercorrerà i maggiori successi del regista: Festen (1998), Riunione di famiglia (2007), Via dalla pazza folla (2015), Il sospetto (2012) e La Comune (2016).

 

Omaggio a Federico Fellini con Sandra Milo, sabato 3 ottobre

Il Lucca Film Festival renderà omaggio a Federico Fellini, per il centenario della sua nascita, con la testimonianza diretta di Sandra Milo. Che il 3 ottobre presenterà Giulietta degli spiriti, film del 1965, primo lungometraggio a colori del regista riminese. Milo interverrà prima e dopo la proiezione e riceverà il premio alla carriera.

Palazzo Pfanner, una delle location de Il Marchese del Grillo, ospita la mostra Alberto Sordi, Fellini e i Vitelloni: 100 anni insieme, con manifesti originali dei film, locandine, foto, bozzetti, libri, foto di scena. Tutto proveniente dalla collezione privata del lucchese Alessandro Orsucci.
La mostra sarà aperta dal 25 settembre al 15 ottobre.

L’omaggio a Fellini prevede anche il concerto nella chiesa di San Francesco con le musiche di Nino Rota. Al concerto, curato dal pianista Massimo Salotti, parteciperanno l’associazione musicale Sinfonia e la Tuscan Chamber Orchestra di Etruria Musica.  Ospite speciale Susanna Rigacci, voce leggendaria delle colonne sonore dei film di Sergio Leone composte da Ennio Morricone.

 

Anteprime fuori concorso

Nella sezione Anteprime fuori concorso, dedicata alle anteprime accompagnate dagli autori, sono in programma la prima italiana di Valley of the Gods di Lech Majewski, con Josh Hartnett e John Malkovich, e  Anja – Real_Love_Girl, di Pablo Benedetti e Paolo Martini.

Ricco anche il programma dedicato a documentari e corti.

 

I lungometraggi in concorso

Sono 12, tutti in prima italiana i lungometraggi in concorso per il premio Miglior film (per un valore di 3 mila euro al regista), che verrà assegnato dalla giuria internazionale composta da grandi figure del mondo del cinema. I film, inoltre, parteciperanno al premio Miglior lungometraggio – giuria universitaria, decretato dalla giuria degli studenti e per Miglior lungometraggio – giuria popolare.

La selezione 2020 mette in mostra una straordinaria molteplicità di generi, linguaggi e contenuti, con opere che arrivano direttamente dai più interessanti festival internazionali, compresi quelli di maggior prestigio come Cannes, Berlino, Busan, Slamdance e Rotterdam. Tra gli autori in concorso alcuni tra i talenti più luminosi del cinema indipendente e di ricerca.

I titoli selezionati sono: Spring Tide (Chun Chao) di Tian-yi Yang (Cina, 2019), No Hard Feelings (Futur Drei / Wir) di Faraz Shariat (Germania, 2020), What Might Have Been (Was gewesen wäre) di Florian Koerner von Gustorf (Germania, Ungheria, Inghilterra, 2019), Towards the Battle (Vers la Bataille) di Aurélien Vernhes-Lermusiaux (Francia, Colombia, 2019), Chronology (Kronoloji) di Ali Aydin (Turchia, 2019), Mosquito di João Nuno Pinto (Portogallo, 2020), Summer White (Blanco de Verano) di Rodrigo Ruiz Patterson (Messico, 2020), Murmur di Heather Young (Canada, 2019), Last and First Men (Paskutiniai ir pirmieji zmones) di Jóhann Jóhannsson (Islanda, 2020), The Death of Cinema and My Father Too di Dani Rosenberg (Israele, 2020), Boy Meets Gun di Joost van Hezik (Olanda, 2019) e Little Ballerinas (Little Ballerinas) di Anne-Claire Dolivet (Francia, 2020).

La selezione ufficiale è stata curata da Stefano Giorgi, Martino Martinelli e Cristina Puccinelli, del comitato artistico del Festival.

 

E i cortometraggi

Sono invece 19 i cortometraggi selezionati per il concorso. In palio anche in questo caso, i premi Miglior film (per un valore di 500 euro), che verrà assegnato dalla giuria internazionale, Miglior cortometraggio – giuria universitaria, e Miglior cortometraggio – giuria popolare.

I titoli selezionati sono: Wild Berries di Marianna Vas, Hedda Bednarszky, Romulus Balazs (Ungheria, Portogallo, Romania, 2018), Snow Shelter di Robertas Nevecka (Lituania, 2020), Spontaneous di Lori Felker (Stati Uniti, 2019), Nunca te dejé sola di Mireia Noguera (Spagna, 2019), Anche gli uomini hanno fame di Francesco Lorusso, Gabriele Licchelli, Andrea Settembrini (Italia, 2019), Bananas girl di Shayna Connelly (Stati Uniti, 2020), Sublunary di Mariangela Ciccarello, Philip Cartelli (Italia, 2019), Prelude di Rick Niebe (Italia, 2019), Mare di Guille Vázquez (Spagna, 2020), Bookanima: Andy Warhol di Shon Kim (Stati Uniti, Sud Corea 2020), Let there be light di Maria Luisa Forenza (Italia, Siria 2020), A janela (The Window) di Patrícia Sobreiro (Portogallo, 2020), Andrò a ritroso della nostra corsa di Mattia Biondi (Italia, 2019), The Oceans are the real Continents di Tommaso Santambrogio (Italia, Cuba 2019), Thick air di Stefano Miraglia (Italia, Francia, 2020), Destino di Bonifacio Angius (Italia, 2019), Flexible bodies di Louis Fried (Germania, 2019), I heard silence from her di Geena Jung (Sud Corea, 2020), Amal di Metteo Russo, Antonio Buscema (Italia, 2020).

La selezione ufficiale è stata curata da Rachele Pollastrini, del comitato artistico del Festival.

 

I biglietti

Tutti gli eventi del Festival sono ad ingresso libero con prenotazione, fino ad esaurimento posti.

Per prenotare, scrivere a biglietteria@luccafilmfestival.it, fino a due ore prima dell’inizio dell’evento.

Con ciascuna mail è possibile prenotare un singolo evento per un massimo di due ingressi ed è necessario indicare un recapito telefonico di riferimento.