Pietrasanta e la Grande Guerra: cerimonia a Valdicastello per don Libero Raglianti

Domenica 4 novembre, Pietrasanta celebra l’Unità Nazionale e delle Forze Armate.

In programma tre momenti in occasione della giornata organizzata dal Comune di Pietrasanta dedicata ai combattenti, ai decorati al valor militare, ai congiunti dei caduti, ai mutilati ed invalidi di guerra, ai reduci della deportazione, dell’internamento e della prigionia e più in generale a tutti i protagonisti della Grande guerra.

Celebrazioni a Pietrasanta per la Grande Guerra

 

Il programma prevede il ritrovo alle 9.30 davanti al Municipio di due delegazioni che porteranno mazzi di fiori con nastro tricolore a lapidi e monumenti della prima Guerra Mondiale ed a seguire, alle 10.15, a Valdicastello presso il Parcheggio delle Miniere da parte dei partecipanti, cittadini autorità, associazioni combattentistiche e d’arma: da qui il corteo accompagnato dalla Filarmonica di Capezzano Monte raggiungerà il Monumento dei Caduti per la deposizione della corona e la cerimonia ufficiale.

Terminata la cerimonia,  il corteo è atteso alla Chiesa di Valdicastello per la deposizione della corona alla memoria di Don Libero Raglianti, l’eroico sacerdote insignito dal Presidente della Repubblica, Giuseppe Saragat del riconoscimento al merito civile per aver accolto con “carità cristiana perseguitati e feriti” prodigandosi “in innumerevoli iniziative per salvare il suo gregge e alleviarne le sofferenze”. La giornata si concluderà con la Santa Messa in suo suffragio (alle 11.30).