Pietrasanta, week end al Cro, tra musica, arte e cucina

Il pianoforte di Adriano Barghetti, la filosofia culinaria di Ivan Fantini, l’arte di Maurizio Scabola e la danza di Paola Bianchi: venerdì 7 e sabato 8 dicembre il ricco programma del Cro di Pietrasanta

 

Week end ricco di appuntamenti per il Cro di Pietrasanta (via Garibaldi 65): musica e pittura, danza e gastronomia, il 7 e l’8 dicembre.

Venerdì tra musica e coltellacci

Si inizia venerdì 7, alle 21,30, con Adriano Barghetti al pianoforte. Nato a Viareggio nel 1950 da una famiglia di musicisti, Barghetti si è laureato in Lettere Moderne e ha pubblicato alcuni volumi di poesie in vernacolo e in lingua. Chansonnier, storico autore di alcune delle più amate canzoni del Carnevale, è da tempo impegnato anche nelle scuole con progetti dedicati allo sviluppo della creatività.

E per chi vuole cenare al Cro, il menu prevede anche spaghetti ai coltellacci, nella migliore tradizione viareggina.

Sabato con Fantini e Scabola

Protagonista della giornata di sabato 8 sarà Ivan Fantini, per sua stessa definizione “cuoco eterodosso e dimissionario, scrittore per urgenza”.

Fantini conduce da molti anni una personale forma di resistenza al consumo smodato di cose e persone, praticando baratto e valorizzazione dello scarto. Alle 17 sarà protagonista di una “narrazione anarco-gastronomica” dal titolo Prendete quel che volete, mettete quel che potete, durante la quale spiegherà a sua filosofia alimentare.

La performance sarà preceduta, alle 19,30, dall’inaugurazione da Ex Libris, una selezione di opere realizzata per il Cro da Maurizio Scabola, un altro artista sensibile ai temi ambientali e all’impegno sociale.

La cena sarà una Cena del riutilizzo: la cucina del Cro proporrà piatti che un tempo, quando lo spreco non era neanche concepito, erano alla base della comune economia domestica, e ognuno potrò lasciare quanto potrà.

Alle 21,30 sarà il momento del Fantini scrittore: con Paola Bianchi, che curerà coreografie e danza, presenterà Animanimale, azione per corpo e voce, con testi e lettura di Ivan Fantini e musiche di Fabrizio Modenese Palumbo. La tela è di Andrea Chiesi.

L’ingresso è libero con Tessera Arci.

Per informazioni e prenotazioni, telefonare allo 0584 72398 o al 329 8496801.

 

 

Nella foto un’opera di Maurizio Scabola