Querceta: Sergio Viti presenta il libro “Storie di aula e di cava”

Venerdì 7 agosto 2020 a Querceta la rassegna Trame d’estate presenta Sergio Viti e il suo libro “Storie di aula e di cava”

 

Seconda preview per Trame d’estate, il festival letterario promosso dal Centro Studi Sirio Giannini che si terrà a Palazzo Mediceo dal 20 al 23 agosto.

L’appuntamento è ancora a Querceta, in piazza Giò Pomodoro dove, venerdì 7 agosto alle 19, lo scrittore Sergio Viti presenterà il suo libro dal titolo Storie di aula e di cava tra scuola e società negli anni 70.

A intervistare l’autore sarà Pietro Conti.

Viti, maestro elementare e saggista, ha pubblicato per Manifestolibri con Alfonso M. Iacono “Le domande sono ciliegie. Filosofia delle elementari (Roma, 2000) e Per mari aperti. Viaggio tra filosofia e poesia nelle scuole elementari (Roma, 2004). È autore inoltre de Il sasso e il filo di lana (Roma, 2013).

 

Il libro

Nella prima parte del libro viene ricostruito il contesto sociale, politico e culturale che fra gli anni ’60 e ’70 determinò una rottura di continuità nella scuola italiana. Questo periodo storico ricco di fermenti ha prodotto importanti conquiste sia nel campo dei diritti sociali, sia in quello dei diritti civili. La scuola è stata coinvolta in quel clima di innovazione e cambiamento grazie alle iniziative dei molti insegnanti che hanno rimesso radicalmente in discussione i contenuti e la trasmissione dei saperi.

La seconda parte del libro consta di ricerche storiche condotte sul campo nella scuola elementare di un paesino delle Apuane in provincia di Lucca, che di quella diversa concezione della scuola sono espressione. La metodologia adottata si ispira all’inchiesta, alla storia orale, all’intreccio fra microstoria e grande storia. In essa compaiono testimonianze preziose di persone che parlano con il loro linguaggio semplice ed efficace delle loro esperienze a partire dagli anni di fine ’800.

Prefazione di Romano Luperini.