Teatro, al Cro di Pietrasanta la storia del ’68 a Pisa

Martedì 20 agosto Marco Azzurrini presenta il suo spettacolo “Pisa68”, storia di un anno “formidabile”, al Cro di Pietrasanta

 

Un anno “formidabile”. Ma anche un anno tragico, concluso con i violenti scontri davanti alla Bussola. Per Pisa e i pisani, come per tutti gli italiani, il 1968 fu un anno diverso da tutti gli altri.

Marco Azzurrini lo racconta in uno spettacolo, Pisa68. Un maggio lungo un anno, che martedì 20 agosto sarà in scena al Cro di Pietrasanta (ore 22).

Azzurrini sarà accompagnato dalla voce e dalla chitarra acustica Alessandro Cei. Perché il racconto è anche il racconto della musica di quell’anno: la protesta, il canzoniere pisano, ma anche Sergio Endrigo che vinse il festival di San Remo con Canzone per te.

Lo spettacolo è realizzato con la collaborazione artistica di Angelo Cacelli.

I tragici fatti della Bussola, avvennero la sera si San Silvestro, il 31 dicembre. Ma cosa era successo in città quell’anno? perché più di 500 persone avevano deciso di contestare i “benestanti”, in Versilia per il veglione?

E gli altri, quelli che erano rimasti a casa, cosa ne pensavano? In città cosa era successo in quel periodo di cambiamenti epocali, ma anche di normali accadimenti di una piccola città di provincia?

Attraverso i racconti dei protagonisti di allora e i giornali dell’epoca, Pisa68 cerca di dare alcune risposte. La città fu assoluta protagonista e spesso anticipò addirittura gli avvenimenti nazionali.

E proprio in quell’anno il Pisa Sporting Club, raggiunse la serie A.

 

Info

Cosa: Pisa68 di e con Marco Azzurrini
Quando: martedì 20 agosto, ore 22
Dove: Cro, via Garibaldi 65, Pietrasanta
Per informazioni e prenotazioni: tel. 329 8496801