Teatro: la stagione al Comunale di Pietrasanta

Da Pirandello all’operetta, dai contemporanei a Goldoni e Ariosto: tanti generi e stili al Teatro Comunale di Pietrasanta per la stagione 2018 – 2019

di redazione

 

Dieci spettacoli in cartellone, con una grande varietà di generi e linguaggi. Il teatro Comunale di Pietrasanta annuncia la programmazione 2018 – 2019 con spettacoli che vanno dal Mattia Pascal di Pirandello al teatro civile di Sebastiano Lo Monaco, dalla Vedova allegra a Goldoni e Ariosto.

Tra i nomi di richiamo Stefano Accorsi, Amanda Sandrelli, Michele Placido e Anna Bonaiuto.

Il Pirandello di Daniele Pecci

Si parte con un classico: la stagione si apre infatti giovedì 29 novembre con Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello, interpretato da Daniele Pecci. La messa in scena è di Guglielmo Ferro, direttore artistico del Quirino di Roma e figlio di Turi Ferro, uno dei più noti interpreti di Pirandello.

 

Comico contemporaneo con Solfrizzi e Minaccioni

Lunedì 10 dicembre sarà in scena A testa in giù di Florian Zeller. Lo spettacolo è stato portato in scena a Parigi da Daniel Auteuil, e nella versione italiana (già presentata con successo al Manzoni di Milano) ha protagonisti Emilio Solfrizzi e Paola Minaccioni. Una commedia divertente, molto contemporanea, sui rapporti di coppia.

 

L’uomo delle caverne firmato da Teo Teocoli

Comicità e rapporti di coppia sono al centro anche di Caveman, l’uomo delle caverne, con la regia di Teo Teocoli.
Lo interpreta (giovedì 20 dicembre) Maurizio Colombi, noto per le sue regie di musical. Lo show originale, scritto e interpretato da Rob Becker, è stato il monologo più rappresentato a Broadway.

Largo all’operetta

Il primo spettacolo del 2019 (mercoledì 9 gennaio) è La vedova allegra, nell’allestimento della storica Compagnia italiana di operette, che dal 1953 porta in scena per l’Italia il suo ampio repertorio. Il capolavoro di Franz Lehár va in scena con la direzione musicale di Maurizio Bogliolo e la regia di Flavio Trevisan.

 

Amanda Sandrelli locandiera

Amanda Sandrelli interpreta un altro grande classico del teatro italiano, La Locandiera di Goldoni. Sarà in scena giovedì 17 gennaio, in un adattamento di Francesco Niccolini, che firma anche la regia al fianco di Paolo Valerio.

 

Teatro civile con Lo Monaco

Per non morire di mafia, con Sebastiano Lo Monaco, in cartellone lunedì 4 febbraio, è uno spettacolo di forte impegno civile. Tratto dal libro di Alberto La Volpe, racconta la vita del giudice antimafia Pietro Grasso. Un’ampia sezione è dedicata al maxi-processo, di cui il giudice contribuì a stendere la sentenza e si chiude con un’analisi del fenomeno mafioso a livello internazionale.

 

Rapporti di coppia per Placido – Bonaiuti

Un sottile gioco al massacro sull’altalena del matrimonio è al centro di Piccoli crimini coniugali. Il celebre testo di Eric-Emmanuel Schmitt viene portato in scena, sabato 16 febbraio, da Michele Placido e Anna Bonaiuto. Una commedia classica, ma in chiave noir e piena di suspense, fra impercettibili slittamenti del cuore e tradimenti conclamati.

 

Stefano Accorsi gioca con Ariosto

Giovedì 28 febbraio Stefano Accorsi porta al Comunale Giocando con Orlando -assolo. Lo spettacolo è frutto della rilettura di Marco Baliani del poema di Ludovico Ariosto. Solo in scena, con una scenografia di Mimmo Paladino, Accorsi ci trasporta nel mondo di Orlando, abitato da dame e cavalieri, in un rocambolesco viaggio dalla Francia di Carlo Magno alla luna.

 

Il balletto: Giulietta e Romeo

Non è una svista se, nel titolo del balletto in cartellone martedì 12 marzo, Giulietta e Romeo, il nome della protagonista femminile viene per primo. Nella sua lettura il coreografo Fabrizio Monteverde – a 30 anni dal distanza dal suo primo allestimento del balletto di Sergej Prokofiev – pone in primo piano i personaggi femminili, e Giulietta al centro della vicenda. Sul palco del Comunale il Balletto di Roma.

 

L’amore nelle lettere dei grandi

Chiude la stagione, mercoledì 27 marzo, fuori abbonamento, Spogliati nel tempo, un viaggio letterario e musicale in cui l’amore viene raccontato attraverso le lettere dei grandi personaggi del passato: Mozart, Beethoven, Joyce, Oscar Wilde.

Lo spettacolo è ideato e interpretato dall’attore Renato Raimo e dalla pianista Isabella Turso.

 

Biglietti e abbonamenti

Il prezzo dei biglietti è di 13 euro per la galleria (ridotto 10 euro) e 22 euro per la platea (ridotto 19 euro).

Per gli abbonamenti il costo è di 100 euro per la galleria (80 euro ridotto) e 166 per la platea (ridotto 80 euro).

Sono previste riduzioni per gli studenti universitari possessori della Carta dello Studente (prezzo speciale di 8 euro) e per i giovani fino a 30 anni.

 

Foto: Giulietta e Romeo. Balletto di Roma