Teatro, Neri Marcorè a Lucca con “Tango del calcio di rigore”

Da venerdì 7 a domenica 9 febbraio 2020 al Teatro del Giglio di Lucca, “Tango del calcio di rigore” di Giorgio Gallione, con Neri Marcorè, Ugo Dighero, Rosanna Naddeo

 

I Mondiali del 1978 in Argentina rimangono fra i momenti più controversi nella storia del calcio, trasformati come furono in una gigantesca operazione di propaganda a favore della giunta del generale Videla. A oltre quarant’anni da quegli eventi, un bambino di allora rievoca storie di “futbol” e di politica, a cavallo tra mito, realismo magico e storia.

Lo spettacolo è Tango del calcio di rigore, di Giorgio Gallione (che firma drammaturgia e regia), in scena al Teatro del Giglio di Lucca da venerdì 7 a domenica 9 febbraio. Sul palco Neri Marcorè, Ugo Dighero, Rosanna Naddeo, Fabrizio Costella e Alessandro Pizzuto.

Dato il successo della prevendita, è stata aggiunta una replica: si potrà assistere allo spettacolo venerdì alle 21, sabato alle 16 e alle 21 e domenica alle 16.

 

Lo spettacolo

25 giugno 1978. All’Estadio Monumental di Buenos Aires si gioca Argentina-Olanda, finale dei Mondiali di calcio.

L’Argentina deve vincere a tutti i costi. Seduto in tribuna d’onore c’è il generale Jorge Videla, il burattinaio del mondiale, al potere dal golpe del 1976. Accanto a lui, Licio Gelli, il Venerabile della loggia P2, suo amico personale.

La partita finisce 3 a 1 per i padroni di casa e chiude la più vasta e costosa operazione di propaganda politica a mezzo dello sport dopo le Olimpiadi tedesche del ’36. Almeno per una sera in Argentina si farà festa. Dal giorno dopo, però, i “voli della morte” riprenderanno puntuali e le Madri di Plaza de Mayo ricominceranno a chiedere giustizia.

Oggi adulto, un bambino di allora cerca di ricostruire il suo passato di appassionato di calcio.

Il racconto è un dolente “tango”, che evoca storie e personaggi imprevedibili. Come il figlio del cowboy Butch Cassidy che arbitra, pistole alla mano, un surreale campionato giocato in Patagonia nel 1942. O la “prima guerra del football”, sobillata dalla Cia e combattuta nel 1969 tra Salvador e Honduras. Il rigore più lungo della storia del calcio, protagonista suo malgrado Gato Diaz, anziano portiere dell’Estrella Polar. E ancora la storia di Francisco Valdes, capitano del Cile, costretto dai militari di Pinochet a segnare un gol senza alcun avversario in campo.

 

Info

Cosa: Il tango del calcio di rigore, di Giorgio Gallione, con Neri Marcorè e Ugo Dighero
Dove: Teatro del Giglio, piazza del Giglio 13/15, Lucca
Quando: venerdì 7, sabato 8 e domenica 9 febbraio 2020, ore 21,00 (venerdì e sabato) e 16,00 (sabato e domenica)
Biglietti da 12 a 30 euro
Prevendite: biglietteria del teatro (tel. 0583 465320, email biglietteria@teatrodelgiglio.it) e TicketOne

 

 

Foto di Giulia Ferrando