Toscana: bici e passeggiate, nei confini del Comune

Da venerdì 1° maggio 2020, in base all’ordinanza numero 46 della Giunta regionale, in Toscana si potrà di nuovo fare attività motoria, passeggiate all’aria aperta e percorsi in bicicletta, con una certa libertà.

L’attività motoria, limitata alle vicinanze di casa dopo il lockdown dell’8 marzo scorso, è consentita entro i confini del territorio comunale.

E occorre rispettare alcune disposizioni. Partenza e rientro devono essere dalla propria abitazione, e quindi non ci si può spostare in auto per andare a passeggiare in un’altra area del comune (un parco, la spiaggia…).

L’attività deve essere svolta in modo individuale: niente comitive di amici a passeggio né gruppi di ciclisti.

I genitori possono uscire insieme con i figli minorenni (che non possono uscire da soli), e le persone non completamente autosufficienti possono avere un accompagnatore. Possono uscire insieme anche le persone che risiedono nella stessa abitazione.

In questi casi, la distanza tra le persone può essere inferiore al metro e 80 centimetri, individuati come distanza di sicurezza per la trasmissione del virus. Distanza che va invece rispettata in tutti gli altri casi.

Da evitare, ovviamente, ogni tipo di assembramento.