Vegana e senza glutine, la cucina di Antonella Michelotti

Mercoledì 25 luglio alla Biblioteca Comunale di Camaiore, la chef  e food blogger presenta il suo nuovo libro di ricette

di redazione

“Non c’è altro modo di convincere gli onnivori che la cucina vegana è buona, se non facendogliela assaggiare”: ne è convinta Antonella Michelotti, chef assai nota in Versilia (ha gestito per anni il ristorante Nonsolovino a Pietrasanta), food blogger, e autrice del libro di ricette (e aneddoti) “La cucina del terzo millennio: sostenibile, vegan & senza glutine”.

Il libro, corredato di foto che illustrano passo passo la preparazione dei piatti, e di una utilissima sezione di “trucchi e trucchetti” da usare in cucina, sarà presentato dall’autrice mercoledì 25 luglio alla Biblioteca Comunale di Camaiore (via Vittorio Emanuele 181), alle 21,15.

Quella di Antonella è una scelta alimentare molto precisa. E se essere vegani è una scelta etica ed ecologica, mangiare senza glutine è benefico (e in alcuni casi necessario) per la salute.

“Il glutine è una tossina”, spiega l’autrice. “E fa male. A partire dagli anni ’70, nel frumento, modificato, la quantità di glutine è aumentata sempre di più. E la gente ha iniziato ad ammalarsi: a diventare intollerante e, cosa ancor più grave, celiaca”.

Rinunciare, anche se solo di tanto in tanto, alle proteine animali e al glutine, dunque, può portare benefici a tutti. E anche al pianeta.