Viaggio fotografico nella Viareggio balneare: 1938 – 2018 dal Select al Principino

Sabato 22 settembre al Principino, si presente il volume “1938-2018. Dal Bagno Select al Principe di Piemonte 2.0”. Una raccolta di memorie e un viaggio fotografico nella Viareggio balneare

di redazione

Un viaggio fotografico e una raccolta di memorie della Viareggio balneare fin dalla sua nascita ai giorni nostri. Sabato 22 settembre (alle 17) al Principino, viene presentato il volume “1938- 2018. Dal bagno Select al Principe di Piemonte 2.0”  realizzato da Beppe Bertuccelli e Giampaolo Ghilarducci (per editrice Ancora Viareggio).
La vicenda storica del bagno Select, oggi Principe di Piemonte o meglio il Principino, si sovrappone infatti a quella di Viareggio. Quello di sabato è, certamente, un appuntamento da non mancare,  condotto da Stefano Pasquinucci con interventi previsti del giornalista Adolfo Lippi e altri ospiti.

Da piccolo borgo, nato all’ombra della Torre Matilde, nella prima metà del ‘500, la città si è sviluppata cominciando la sua espansione grazie al mare e alla spiaggia.

Indiscutibile e imprescindibile per Viareggio, il successo ottenuto con lo sviluppo dell’industria della balneazione. Aria di mare fresca e salubre che ha conquistato prima nobili e signori e poi con il 1800, i benefici terapeutici dei bagni di mare, vengono scoperti dalla medicina con un nuovo e notevole impulso al turismo.

Dai “bagnetti” e capanni, improvvisati con stuoie e frasche, si passa a bagni costruiti in legno, poggiati su palafitte, con scenografiche rotonde e terrazze sopraelevate sul mare.

Nascono il Nereo (solo per gli uomini) e il Dori (solo per le donne), poi il bagno Felice, il bagno Nettuno e l’ Oceano. Poi il Balena e il Francesco Quilghini.

Piano piano la città sul lungomare si espande verso nord con un fiorire di villini, attività, alberghi in stile e in armonia con il luogo. Ne è un esempio la piazza Puccini, ancora oggi, una delle più belle e scenografiche della città.

Qui sono nate ed hanno ancora sede alcune importanti strutture turistiche come il Principe di Piemonte e l’Esplanade, qui mise su casa di fronte alla pineta il maestro Giacomo Puccini.

E un paio di decenni più tardi arrivò il Select oggi conosciuto universalmente, come Principino che, dopo un restauro scrupoloso, ha ritrovato da questa estate la sua bellezza e identità.

 

foto: un servizio fotografico al Principino