Viareggio: festa speciale per i 133 anni della Biblioteca Comunale

A Viareggio, festa per i 133 anni della Biblioteca comunale. Sabato 15 dicembre dalle 15,30 tanti ospiti, libri, racconti e musica per un importante compleanno

di redazione

La Biblioteca comunale di Viareggio festeggia 133 anni di attività. E sabato 15 dicembre (dalle 16,30) sarà una festa di libri, racconti, letture al buio, musica, nuovi progetti: dai tablet a disposizione degli studenti, alla App dedicata ai più piccoli.

Una giornata con tanti ospiti: artisti, letterati, scrittori, uomini e donne che hanno arricchito la vita culturale della città di Viareggio. Saranno presenti per festeggiare la biblioteca Wanda Francesconi poetessa centenaria (nata a Viareggio il 28 luglio 1918), Simona Baldelli, Giampaolo Simi, Cristina Caboni, Maria Giovanni Luini, Susanna Altemura, e poi ancora Adolfo Lippi, Oscar Montani e Leonardo Gori.

La manifestazione, presentata dalla scrittrice Elena Torre, sarà allietata dall’esibizione al pianoforte di Paolo Marzulli e al violino Maria Cristina Olivieri.

E poi le donazioni: dall’annuale buono libri della Fondazione Banca del Monte di Lucca del valore di 500 euro, ai Giornali dell’Arte, una collezione lunga 40 anni, composta da 224 numeri più 80 inserti e supplementi donata dall’avvocato John Gattai, per finire con gli 80 libretti d’opera dei teatri più belli d’Italia, donati dall’associazione Amici del Festival Pucciniano.

La storia

Era il 1885 quando si diffuse a Viareggio l’idea di costruire “Biblioteche Popolari” per divulgare la lettura tra le classi lavoratrici. I veri fondatori della Prima Biblioteca Popolare Laica della città furono i calafati, i maestri d’ascia ed i lavoratori del mare.

Da quel momento ebbe vita un organismo aperto all’uso pubblico con un ricco patrimonio librario e un numero di utenti in costante crescita. Passano gli anni, la biblioteca si trasforma in biblioteca pubblica del Comune.

Il 7 Marzo 1942, la Biblioteca fu intitolata a Guglielmo Marconia testimonianza dell’affetto che legava, e lega sempre i viareggini al grande scienziato italiano, il quale soggiornava volentieri e per lunghi periodi a Viareggio”. Guglielmo Marconi infatti, era solito lasciare il suo panfilo Elettra in rada proprio davanti a piazza Mazzini.

Col tempo la sede della Biblioteca è andata sempre più allargandosi, aumentando i locali per il deposito dei libri e creando nel “Palazzo delle Muse”, una sala di lettura, spesso utilizzata anche per l’ascolto di manifestazioni musicali e conferenze.

«Testimone silenziosa e al tempo stesso custode della trasformazione della nostra Città nel corso degli ultimi centotrentatre anni – commenta l’assessore alla Cultura Sandra Mei -: un luogo nel quale si impara, ci si incontra e confronta, si cresce. Ringrazio quanti hanno regalato il loro tempo per l’organizzazione di questo evento e chi, con donazioni e collaborazione fattiva, ha contribuito all’accrescimento del patrimonio della biblioteca. Non resta che invitare tutti a questo speciale compleanno: un modo per conoscere un luogo di cultura della nostra città».

 

L’Amministrazione comunale ringrazia la Fondazione Banca del Monte di Lucca, l’avvocato J.Gattai, l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti sez. di Lucca, l’Associazione Amici del Festival Pucciniano, Lions Club Viareggio Versilia Host, l’Associazione Centro Sviluppo Umano Onlus, l’Associazione Soroptimist Club Versilia, Cicatrici di Vita,  gli studenti dell’ ISI Marconi e i loro insegnanti che prepareranno un catering per intrattenere gli ospiti, le Gelaterie Vincent per la torta, la Fisar Versilia (Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori) per il brindisi, “i nonni” Lidia Cerri e Antonio Melani per le torte di compleanno.

Un ringraziamento speciale da parte dell’Amministrazione comunale a tutti gli scrittori e gli artisti che hanno contribuito a rendere unico l’evento.