Viareggio, i fumetti contro il pregiudizio di Takoua Ben Mohamed

Con il suo graphic journalism Takoua Ben Mohamed racconta la vita di una giovane donna che, in Italia, ha scelto di indossare il velo. Rivive la rivoluzione dei gelsomini, narra di una famiglia divisa dall’esilio e dalla dittatura. Denuncia pregiudizi e diffidenza nei confronti dell’altro, dello straniero. E getta un ponte per la reciproca conoscenza e comprensione.

Martedì 4 dicembre l’autrice italo-tunisina sarà ospite a Villa Paolina in occasione del Mese dei diritti, un’iniziativa promossa dal Comune di Viareggio, in collaborazione con altre associazioni, tra cui Arci, per celebrare i 70 anni dall’entrata in vigore della Carta dei diritti umani. Alla conferenza (che inizia alle 17,30) sarà presente anche Carla Cocilova, referente internazionali di Arci Toscana.

Takoua Ben Mohamed vive in Italia da quando aveva otto anni, da quando la sua famiglia poté ricongiungersi dopo i lunghi anni di esilio del padre, sfuggito al regime autoritario di Ben Ali.

Nei suoi libri ha raccontato l’infanzia in Tunisia, ma anche gli ostacoli incontrati in Italia, i pregiudizi, la diffidenza, con un linguaggio ironico, graffiante, e a tratti amaro.

Takoua Ben Mohamed ha dato vita al fumetto intercultura, un progetto di graphic journalism che è stato presentato alla Camera dei Deputati, al TEDx di Matera e al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia.

Takoua Ben Mohamed

La rivoluzione dei gelsomini, ultima opera di Takoua Ben Mohamed, edita da Becco Giallo